sabato 18 maggio 2013

TAIEDDHRA RISO, PATATE E COZZE NUDA

 

Ovvero taieddhra riso, patate e cozze senza patate, senza cozze e senza taieddhra, ops, senza teglia.

Le cose che mi sono venute in mente  per scrivere questo post sono talmente tante che avrei riempito pagine e pagine se le avessi dette tutte.

Avrei descritto l’emozione che, a parte gli scherzi, ho provato per la vittoria di mio marito alla sua prima partecipazione all’emmetichallenge, la più appassionante e coinvolgente gara culinaria del web.
Avrei potuto ribattere a tutte le critiche che sono pervenute, grazie al cielo da poche persone, alla ricetta da lui scelta per la sfida del mese di maggio, perché non rispondente alla versione più classica e più conosciuta di questo piatto, che i baresi rivendicano come proprio ma che invece si mangia in tutte le famiglie pugliesi preparato in mille modi diversi. Critiche che ci aspettavamo ancor prima che iniziassero e che non abbiamo comunque voluto influenzassero una scelta tutta indirizzata verso una ricetta che è per Cristian una ricetta di casa, una ricetta del cuore.

Avrei potuto ringraziare tutte le persone, grazie al cielo moltissime e tra cui tantissimi pugliesi, che hanno invece manifestato interesse e entusiasmo per questa scelta, confermando la somiglianza, a volte anche la perfetta corrispondenza, della ricetta di Cristian con quella proveniente da tantissime altre famiglie sparse per la Puglia.

Avrei potuto ringraziare anche tutte quelle persone che in questi giorni stanno sfornando taieddhre incredibili, tradizionali e rivisitate, in barba alle critiche, confermando se mai ce ne fosse stato bisogno che le scelte fatte con il cuore sono sempre vincenti.

Avrei potuto dire che Cristian proviene da una famiglia in cui la pasta non la si compra ma la si fa ancora oggi in casa e non ogni tanto ma sempre. In cui le pietanze che richiedono cotture a fuoco lento vengono preparate nella pentola di coccio messa a cuocere per ore vicino alla brace del camino. In cui l’olio e il vino vengono ancora fatti rigorosamente in casa. Una famiglia che ha sempre nutrito un profondo rispetto per il cibo e per le tradizioni e che pertanto non potrebbe mai osare rinnegarle.

Avrei potuto raccontare che mio nonno era originario della provincia di Brindisi, mia nonna, sua moglie, della provincia di Foggia, che entrambi hanno vissuto per gran parte della loro vita nella provincia di Bari, dopo che nacque mio padre nella provincia di Lecce, città di cui è originario mio marito. Questo per dire che quando si parla di Puglia penso di sapere di cosa stiamo parlando e soprattutto conosco molto bene le differenze che possono esserci da una zona all’altra di questa immensa regione.

Avrei potuto rispondere alle critiche di chi si erge a difensore di una cucina di cui con arroganza rivendica la proprietà, ma che esprime una conoscenza in materia fatta di regole e puramente accademica, completamente scollegata e lontana dalla vera cucina della tradizione che è invece quella del cuore e della passione, del contatto quotidiano con il cibo che per necessità deve essere plasmato e utilizzato ogni volta in maniera diversa per poter far fronte a un’unica esigenza, quella della fame. E tutto questo solo per ribadire una cosa di cui ho l’assoluta certezza e cioè che in Puglia ci sono mille modi per cucinare la taieddhra, tiella, tiedd, taiedra, tjedd, riso, patate e cozze. E che se è giusto spiegare che ce n’è una versione più classica, raccontarne le origini e la provenienza, nulla poi secondo me è più dovuto.

Avrei potuto dire che, fermo restando il fatto che ritengo che la versione di Cristian possa ritenersi tradizionale e non eretica come qualcuno ha voluto definirla, la questione delle “rivisitazioni” della ricetta tradizionale all’insegna di quello che è lo spirito dell’emmetichallenge non è un attentato alla cucina pugliese perché le persone non sono prive di intelletto al punto tale da non comprendere quella che è la differenza tra una ricetta della tradizione ed una rifatta ispirandosi alla tradizione ma che tradizionale non è. È stato mai detto forse da chi ha proposto una taieddhra rivisitata “questa è la vera tiella pugliese”? A me pare invece che tutti abbiano detto sempre “questo è un piatto fatto a modo mio che si ispira alla tiella pugliese”. E allora da cosa può nascere l’equivoco? O forse il problema riguarda piuttosto il fatto che non si possa parlare liberamente di cucina pugliese perché ci sono alcune persone che ritengono di avere il copyright su questa materia?

Infine avrei potuto dire che avere la possibilità di rivisitare una ricetta della tradizione non è un impoverimento bensì un arricchimento, non solo per l’artefice della ricetta rivisitata, ma per tutta la cucina. La ricetta della tradizione non muore attraverso una rivisitazione ma fa nascere semplicemente qualcosa di diverso da sé. I piatti della tradizione servono per creare qualcosa di nuovo, qualcosa cui non si arriverebbe mai senza tenere ben presente e come base da cui partire proprio la tradizione stessa.

“L’innovazione non è altro che una tradizione che si rinnova” questo è quello che ha detto uno dei più grandi chef italiani, Mauro Uliassi e che io condivido pienamente.

Ecco, avrei potuto dire… alla fine ho detto tutto.

Ma questa mia ricetta forse chiarisce meglio di mille parole. Spiega che se io non avessi conosciuto e mangiato la taieddhra tradizionale questo piatto non sarei mai riuscita a farlo e che nonostante sia completamente diverso dalla taieddhra tradizionale secondo me ne conserva l’anima.

Un’ultima cosa, forse la più importante di tutte. Ogni tanto mi fermo a pensare a tutta questa faccenda e mi faccio una sonora risata.


TAIEDDHRA RISO, PATATE E COZZE NUDA
senza patate, senza cozze e senza taieddhra


Ingredienti per quattro persone (per uno stampo rettangolare di 13 cm x 24 cm)

150 g di riso basmati
2 leccie di circa una trentina di centimetri (pesce azzurro presente nei nostri mari)
200 g di canestrelli sgusciati (molluschi bivalve presenti nei nostri mari)
8 piccole zucchine con il fiore
250 g di mozzarella fiordilatte pugliese in treccia
1 lime non trattato
1 cipollotto
olio extravergine d’oliva possibilmente pugliese
sale
sedano, carota e cipolla e scorza di lime per il brodo aromatizzato al lime

 
Come prima cosa preparate il brodo portando ad ebollizione in un litro d’acqua circa (ma non servirà tutta) una carota, un gambo di sedano, una cipolla, un po’ di sale grosso e la scorza del lime.

Pulite il pesce e ricavatene dei filetti da cui deve essere tolta anche la pelle. Mettete i filetti a marinare per un quarto d’ora nel succo del lime.



Lavate e pulite le zucchine senza togliere il fiore.

Pulite e sciacquate abbondantemente i canestrelli.


Accendete il forno a 160 ° e preparate la taieddhra.

Ungete la teglia (io ho usato una teglia antiaderente altrimenti sarebbe meglio coprirla con della carta da forno per poter sformare bene il riso) con un po’ d’olio quindi sistemate sul fondo le zucchine una accanto all’altra formando uno strato. Salate leggermente.

Disponete sopra le zucchine i filetti di leccia in modo da formare un altro strato e salateli leggermente.
Disponete sopra i filetti di pesce il riso formando un altro strato e disponete sopra il riso il cipollotto tagliato a rondelle sottili e oliate leggermente il tutto.

Mettete sopra il riso i canestrelli e sopra i canestrelli la mozzarella tagliata a pezzetti.



Versate lentamente nella teglia il brodo fatto precedentemente raffreddare in modo che il livello arrivi poco sotto alla mozzarella.


Infornate e cuocete per circa tre quarti d’ora fino a quando l’acqua si sarà completamente consumata.

Fate riposare il riso per almeno mezz’ora, quindi rovesciate la teglia sul piatto da portata e sformate il riso.



Con questa ricetta, con mio sommo piacere partecipo fuori concorso - in quanto moglie del terzo giudice :) – all’emmetichallenge di maggio2013, La taieddhra riso, patate e cozze di Cristian.




58 commenti:

  1. potrei dirti che mi hai commosso con le tue parole, potrei dirti che trovo inestimabili la purezza e la signorilità, potrei dirti che le persone intelligenti e sensibili come te sono merce rara.... Ops, te l'ho detto!
    Grazie
    Dani

    RispondiElimina
  2. Avrei potuto dire...che non avresti potuto scrivere un post più bello! Bravissima! :)
    Splendida la tua tiella nuda! Una combinazione di ingredienti perfetta!

    p.s. tra l'altro credo di aver capito un mio errore leggendo la tua ricetta: come ti avevo detto, il riso mi è rimasto sgranato, per colpa della qualità che ho usato, però ho notato che il pezzo di tiella avanzato si è compattato. Avrei dovuto farlo riposare un po' come hai fatto tu :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Elisa!
      In effetti è meglio lasciarla riposare un po' prima di servirla per fare compattare il riso, soprattutto se è un riso povero di amido. Però anche se è un po' sgranato va bene lo stesso :)

      Elimina
  3. Bravissima Mari
    Avresti potuto dire e.....hai detto tutto perché era giusto così e dettato dal cuore :-)
    La tua taieddrha nuda mi ha lasciato a bocca aperta te lo devo dire e se non fossi la moglie di "fortunello" io ti avrei fatto vincere perché oltre all'esecuzione perfetta in questa nudità c'è tutta la passione per la tua terra
    Un bacione
    Ila

    RispondiElimina
  4. Conosco poco la cucina pugliese: magari queat ricetta - in versione originale o rivistata - potrà essere il mio primo passo per esplorare una .... terra sconosciuta!
    Claudette

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono sicura che ti piacerebbe Claudette, perchè se conosco un po' il tuo modo di intendere la cucina immagino che non ne resteresti delusa.

      Elimina
  5. Peccato, avresti potuto vincere...la ricetta era bellissima ma soprattutto buonissima.
    Però anch'io ho un piccolo merito...ho pulito i canestrelli ^_^
    SMACK

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E per fortuna... si sa che i molluschi sono affar tuo ;)

      Elimina
  6. Avevo capito che c'erano state delle polemiche su qualcosa ma non ero arrivata al fatto che avessero criticato la ricetta di Cristian. Ma come non si fa a non capire che la diversità in cucina è arricchimento e non "eresia". Bah... passando a argomenti più seri: ma che buoni i fiori di zucca! Bellissima la tua ricetta e molto salutare con il pesce azzurro! Mi piace moltissimo. Simonetta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Simonetta, sei molto gentile. Hanno criticato così per fare, Cristian ha sempre detto che quella era la ricetta di casa sua e non la più tradizionale e continuano anche loro a dire la stessa cosa pensando di dire qualcosa di diverso :)

      Elimina
  7. ahahaaha di gente come quella ne è piena il mondo io manco rispondo...più o meno come non hai risposto tu :) leccie.... assomigliano alle nostre occiade??? sai che in ogni città e regione gli stessi pesci cambiano nome io divento matta...buona questa versione originale e personale ma scusa preferisco quella di Cristian....sono un amante delle Puglie ho fatto vacanze a Vieste per 8 anni di fila, ho amici a Barletta ed a Vieste stessa e ci sono ritornata 4 anni fa sempre splendida. Sai, ho scoperto la "paposcia" se vuoi vederla passa a cercarla sul mio blog....e anche il famoso caciocavallo podolico... il vino e l'olio mamma mia ho ancora il sapore in bocca. Ciao cara un abbraccio quest'estate farò entrambe le versioni poi ti saprò dire. Buona domenica...accidenti al tempaccio...brrrrr

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Edvige sei grande!!! Le occiade sono diverse dalle leccie che sono un pesce azzurro dalla carne simile allo sgombro ma un po' più delicata, molto buona.
      Questa versione non ha nulla a che vedere con quella di Cristian né con altre più tradizionali, è solo un esperimento che riproporrò sicuramente anche in futuro perchè è piaciuto molto, magari con qualche altra variazione.
      La Puglia è bella tutta e non si finisce mai di scoprirla, io ho anche origini pugliesi e l'ho girata in lungo e in largo.
      Veramente un tempo pessimo oggi.
      Ciao cara, un bacione!

      Elimina
    2. Tesoro ma qui a Trieste l'hai vista???? Io no ma non è che freguenti tanto le pescherie dalla parti mie o devi aprire il mutuo quella della vecchia Lussino...oppure alla Pam rischi....oppure da quello che è al posto di Benvenuto che era fino il 31 dicembre ???.....dicono quella di S Giacomo ok ma non è dietro l'angolo uffaaaa sono pigra ciaooo bella speriamo domani...un baseto

      Elimina
    3. Edvige! Proprio da Benvenuti in pescheria le ho prese. Venerdì scorso ma, non ce le hanno sempre, dipende dal pescato. buonissime fresche e prezzo abbordabile. Baci :)

      Elimina
    4. Non mandarmi in quel....anzi mandami pure ma Benvenuti quello in via Giulia vicino a casa mia....?? perchè io non ci sono più entrata dopo che il fratello del pugile ha lasciato la pescheria....se è quella ci posso passare ogni giorno e se hanno fresco ben venga....grazie assaie a buon rendere... baseto

      Elimina
    5. Ma figurati Edvige! Ahah mi sa che allora siamo vicine di casa! Io ci andavo spesso anche prima là poi non so cosa è successo al fratello di Nino. Questi sono un po‘ più cari ma nemmeno tanto e il pesce è fresco.

      Elimina
  8. Vi dico una sola cosa e poi spero di poterla chiudere qui. Mia madre era una grandissima cuoca, pur provenendo da un paesino nelle montagne lucane, aveva imparato tutti i piatti pugliesi e tarantini in particolare, che eseguiva in maniera da ingannare gli stessi pugliesi sulle sue origini. Come si usava nelle buone famiglie di una volta, quando si approssimarono le nozze di mia sorella le fece scuola di tutto, non voglio ricordare cosa ci toccò mangiare. Mia sorella, critica e volta ad una malintesa modernità, quando, padrona della sua cucina, poté esercitare il suo libero arbitrio . . . tra le altre cose, che, come si dice da noi, se ne scappano da in bocca, iniziò a fare Riso Patate e Cozze con le cozze senza valva e non solo. Chi vuole intendere intenda. Baci affettuosi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah, ora capisco perchè ce l'hai a morte con la versione senza valve :)))
      A parte gli scherzi Mimmo, tu mi stai anche simpatico però io veramente ho perso il filo del vostro discorso. Cristian l'ha detto in maniera chiara ed onesta che la sua ricetta è quella della sua famiglia e poi non è possibile che tutte le rivisitazioni possano essere confuse da qualcuno con l'originale.
      Mi piacerebbe proprio che si potesse chiudere, e ognuno è libero di farlo quando crede, a tarallucci e vino questa questione che sta veramente rasentando il ridicolo.
      Baci affettuosi anche a te!

      Elimina
  9. Stupenda con i fiori delle zucchine. Mi hai lasciata senza parole.
    Bellissima ricetta.
    Condivido in pieno: l'innovazione è la tradizione che si rinnova.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Isix, grazie mille, i fiori delle zucchine mi piacciono molto.
      Per quanto riguarda l'innovazione, dovrebbe essere così ma non tutti evidentemente sono d'accordo ;)

      Elimina
  10. Hai detto tutto, da gran signora e con una gran ricetta!

    RispondiElimina
  11. la classe non è acqua, mia cara, e tu l'hai dimostrato in pieno: sia con le tue parole, sia con la tua superlativa ricetta!!!
    un bacio grande

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cristina, mi fa molto piacere il tuo commento, grazie :)

      Elimina
  12. La passione che traspare dalle tue parole l'hai messa tutta in questa tua meravigliosa e personalissima versione di taieddhra. Mi piacerebbe dirti tante cose, ma su tutte spicca la contentezza di averti "incontrata".. mi hai commosso, veramente.
    Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sei tu che mi commuovi Francy con le tue parole... tu sei una persona speciale :)
      un bacione a te!

      Elimina
  13. Avrei potuto dire di no, alla ricetta di Cristian, quando ho visto di che cosa si trattava.
    Ma mi sarebbe sembrato ingiusto, nei confronti dell'entusiasmo e dell'amore per la sua terra, che trapelava dai toni, dalle parole, dalle stesse virgole con cui tuo marito descriveva la tua scelta.
    Mi sarebbe sembrato ingiusto per la community, privata della possibilità di cimentarsi con una cucina così peculiare come quella pugliese- e mi sarebbe sembrato ingiusto per gli stessi Pugliesi che ci seguono e che mai come in questo caso, ci sostengono.
    Se non lo avessi fatto, non avremmo avuto la commovente taieddhra di questa sfida. Nè le altre versioni, altrettanto degne di nota, sia che si tratti di esecuzioni fedeli, che di rielaborazioni personali. Nè lo spirito di un gruppo cementato da un rinnovarsi nel tempo di una gara in cui si sono incontrate persone affini, per cultura, educazione, signorilità e umiltà. E soprattutto, non avremmo avuto questo post, che di tutto questo è la sintesi, più alta, più sentita, più toccante.
    Grazie, davvero, per tutto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Alessandra, grazie mille :)
      E hai ragione sui pugliesi, abbiamo avuto anche noi tantissimo sostegno da un molti di loro che ci hanno convinto ancora di più che questa ricetta per la tornata dell'mtc di maggio era perfetta.
      Un abbraccione!

      Elimina
  14. Mary, il tuo post è una bella donna, testa dritta e sguardo sincero. Quelle donne a cui vorresti assomigliare perché attraversano un salone con passo leggero senza farsi notare, eppure ne avverti sempre la presenza. Quelle donne che ti guardano negli occhi mentre parlano e ti mancano quando se ne vanno. Un post vero, magnifico e pieno di verità. Ti abbraccio e testa alta.
    Pat

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissima Patty, ma come sei brava con le parole :) e che metafora!
      Grazie cara, davvero di cuore.
      Un bacione!

      Elimina
  15. Sei stata di un'eleganza incredibile in questo post, perché sei sincera e per nulla aggressiva...hai detto come stanno le cose, punto e ti ammiro per tutto quello che fai e che scrivi! Bella la tua versione innovativa...Un abbraccio cara Mari!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ale, grazie mille cara :)
      Sincera cerco di esserlo sempre, è la cosa più importante che ci sia e a volte la voglia di dire quello che penso prevale su tutto, nel bene e nel male.
      Un bacione grande!

      Elimina
    2. Io davanti alle tue ricette resto sempre incantata, per la grande creatività, per la passione, la cultura e non ultima la conoscenza delle tecniche culinarie più avanzate che fanno capolino da ognuna di esse.
      Ma quello che più colpisce chi legge il tuo blog è che tu hai un grande cuore. Un cuore più grande della meravigliosa terra di Puglia, che è un concentrato di bellezze naturali e di cucina superlativa.
      La ricetta è spaziale, il post è da incorniciare e tu sei da mettere su un piedistallo (dove sono sicura che tuo marito ti ha collocata già da un pezzo ^_^).

      Last but not least, dopo che hai descritto le tradizioni culinarie della famiglia di Cristian mi è venuta voglia di andare a nascondermi; poi ci ho ripensato e mi sono detta che varrebbe la pena uscire dal nascondiglio per assaggiare anche una sola delle cose che fanno nella sua meravigliosa famiglia (e magari ci scappa anche un assaggio delle tue prelibatezze ^_^).

      Un abbraccio!

      Elimina
    3. Carissima Mapi, e chissà se non sarà possibile prima o poi una bella cena a base di tutte queste prelibatezze? ovviamente con le tue prima di tutto :)
      Un bacione grandissimo, mi hai commosso :)

      Elimina
  16. Mari.... questa roba qui (taieddhra finta, tiella...boh?!?) è MERAVIGLIOSA!!!!!!!!!
    Tra la leccia (buonissima), la mozzarella e il tocco del lime.... beh... a me fa venire letteralmente le bave.
    Con buona pace di chi, diciamocelo, non ha capito granché dell'MTC.
    Peccato il fuori concorso, perché ci stava un'altra vittoria in famiglia.
    Bravissima!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Viviana! Beh, il fuori concorso era d'obbligo :)
      La leccia è veramente un pesce molto buono e in questo piatto si sposava molto bene con gli altri ingredienti.
      Grazie mille, un bacione!

      Elimina
  17. Sono fondamentalmente una persona di poche parole, rivolta al social prevalentemente perchè fa parte del gioco, ma non per questo non leggo e non vedo tutto quello che succede in ciò in cui sono coinvolta. Ho ovviamente seguito attentamente tutta la polemica sulla ricetta di Cristian e avrei risposto e controbattuto molte accuse ed attacchi, ma...sono fatta così ;).
    A questo tuo post non posso però rimanere indifferente...tutto quello che di quanto più vero e sacrosanto ci sia lo hai espresso chiacchierando qui, facendoti leggere di un fiato e rispondendo con una proposta che ci sta tutta e che parla da sola. Splendido!!! mi piacciono tante cose che hai fatto :-). E....che foto !!!!!
    Non sai che piacere avere scoperto te e Cristian con questa occasione!
    Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissima Laura, il piacere è stato mio ad incappare nel tuo blog che ho visitato l'altro giorno e che rivisiterò con piacere.
      Ti ringrazio tanto per le tue parole, fa sempre piacere che a fronte di due o tre persone che ti parlano male alle spalle ce ne siano invece molte che ti dicono tante belle cose. Tu sei una di quelle :)
      Grazie mille, a presto.

      Elimina
  18. L'MTC è innovazione che nasce dalla tradizione,quindi noi andiamo avanti felici di far parte di questo gruppo e pronte ad ogni nuova sfida!Il post è bellissimo e la ricetta....mammamia,da acquolina in bocca!
    Grazie per essere passata a salutarmi :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille a te! Infatti, andiamo avanti continuando a giocare e a divertirci :)

      Elimina
  19. ...allora visto che continui a dire...avrei quà ...avrei là...ringrazia anche me che ti ho lettotuttadunfiato...ahahah sei fortissima!!!! E guardando la tua taieddhra rimango incantata per l'accostamento degli ingredienti...una meraviglia...e la foto finale è un tripudio di strati,di colori e di sapori.....braverrima davvero!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie Antonella! Mi fa molto piacere che ti sia piaciuta la mia ricetta, un po' azzardata (volutamente) lo so, però molto appetitosa.
      Un bacione!

      Elimina
  20. unn interpretazione molto orifinale mi piace per gli ingredienti utilizzati e il loro sapore nell'abbinamento

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Günther! Piatto saporito ma sano :)

      Elimina
  21. Mamma mia!!! Questo piatto è una vera goduria! Devo assolutamente segnarlo per provarlo al più presto. Complimenti!! =)
    P.S. Ne ho approfittato per fare un giretto nel tuo blog. E' meraviglioso!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie Ale! Se mai dovessi provare a farlo vedrai quanto è semplice e veloce (soprattutto se hai la fortuna di trovare qualcuno che ti sfiletta il pesce).
      Grazie mille e a presto!

      Elimina
  22. grande Mari :)
    e grazie per aver condiviso con chi ti segue questo spaccato delle tue origini e questa meraviglia di piatto, che fa venir voglia di un assaggio alle 9 di domenica mattina :D
    un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Milena! Anche a me viene fame alle 9 di mattina a vedere tutte le bontà che ci sono in giro in questi giorni (le tue comprese ovviamente :)
      Un bacione!

      Elimina
  23. Si cara Mary...!!! Ma fin pure io che di pugliese e d'italiana non ne ho niente... le riesco a capire certe cose!
    Questa tua è la tahieddra "non tahieddra" più buona vista fino ad i giorni di oggi!

    sei stata GRANDE! In tutti i sensi!

    besos

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie carissima Mai, i tuoi complimenti mi fanno un enorme piacere ancor di più considerando le splendide meraviglie che hai sfornato tu per questo mtc :)
      Besos

      Elimina
  24. Ma questa è una ricetta a luci rosse!!! Una taieddhra nuda, una taieddhra con lo strip-tease... Ecco perché mi piace tanto, ah ah ah!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah Andrea, non l'avevo considerata sotto questo aspetto :) ma sono contenta che ti piaccia!

      Elimina
  25. Abbiamo saputo delle critiche che sono state mosse riguardo la taieddhra, discussioni sterili e puramente accademiche che lasciano comunque lo spazio che trovano e personalmente pensiamo che la tua rivisitazione del piatto sia la risposta più eloquente alle varie controversie. Grandissimo piatto, cucinato con amore e con sapienza, davanti al quale esprimiamo il nostro apprezzamento.
    Bacioni da Sabrina&Luca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Sabrina e Luca, avete proprio ragione, le polemiche fini a se stesse non portano a niente e per questo non le ho nemmeno più di tanto seguite :)
      Grazie, sono contenta che la mia interpretazione vi sia piaciuta.

      Elimina
  26. Mari mi sono proprio emozionata a leggere le tue parole! L'amore e il profondo rispetto che nutri per tuo marito e per le sue origini traspaiono limpidamente da ogni singolo pensiero che hai voluto, per nostra fortuna, condividere con tutti noi.
    Grazie a te e a lui per questa meravigliosa esperienza, ma più di ogni altra cosa grazie per la grandissima umiltà con la quale avete affrontato ogni superflua polemica che questa tornata dell'MTC ha visto sorgere.
    Riguardo alla tua taieddhra, che dire, se non che dice tutto da sola?! :-)
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie Raffaella, che belle parole le tue! Mi fa un enorme piacere che ci siano persone come te, intelligenti e sensibili, a passare di qua.
      Un bacio!

      Elimina